Come creare una luce di riempimento con un flash? Approfondimento, guida passo per passo

Avere una buona luce, sia quando si devono scattare delle foto che quando si deve invece girare un video è molto importante. Nel caso abbiamo bisogno di un ambiente piuttosto luminoso che ci consenta un’illuminazione corretta senza cambiare troppo il settaggio della nostra macchinetta, avremo bisogno di un flash adatto. Il flash può essere usato sia come luce diretta che come effetto di riempimento. In questo secondo caso, si avrà un passaggio ombra luce più morbido nell’immagine ottenuta. A seconda dell’effetto desiderato avremo poi dei settaggi diversi da applicare al nostro flash.

In questo articolo spiegheremo quale tipo di flash è più adatto a creare una luce di riempimento e quale tecnica attuare per riuscirci al meglio. Daremo quindi anche qualche consiglio per riuscire in questo processo ed ottenere un buon effetto di luce morbida e di ottimo impatto. Con una panoramica esplicativa riguardo tutti i modelli di flash in commercio che ci consentano questo effetto.

Cos’è una luce di riempimento

La luce di riempimento altro non è che un’illuminazione dell’ambiente in maniera totale. Questa ha infatti il compito di riempire di luce tutto l’ambiente. Non è quindi creata con un flash diretto sparato sul soggetto, ma ha bisogno di illuminare la scena per non creare punti più o meno illuminati rispetto agli altri.

Per questo motivo ci vuole una modalità di illuminazione diversa dal solito. Sia che questa sia creata con un faretto che con un flash. In modo da poter compensare in maniera ottimale la luminosità dell’ambiente in cui andiamo a scattare delle nostre foto. Ovviamente anche aumentare il livello delle ISO o il possedere una macchina fotografica full frame con una focale molto luminosa può contribuire a rendere l’immagine migliore. Questi sono aspetti che determineranno in maniera significativa la resa finale della foto a prescindere dalla luce di riempimento che riusciremo ad ottenere.

Ovviamente questa scelta dipende sia dal tipo di luminosità necessaria nella foto da fare, ma soprattutto dal posto che dovremo andare ad illuminare. La motivazione è molto semplice. Più ampio è il posto da illuminare, maggior difficoltà avremo a portare la luce in ogni angolo e parte dell’ambiente. Per questo bisognerà conoscere bene sia il modello di flash da utilizzare, che la modalità con cui utilizzarlo per questa specifica necessità.

Come si usa il flash per creare una buona luce di riempimento

Il flash, come per tutte le altre modalità del suo utilizzo, si potrà applicarlo sopra la macchina fotografica attraverso l’apposito slottino. Questo ci darà la possibilità di creare una luce di riempimento illuminando direttamente dalla stessa posizione della macchina fotografica.

Questa modalità garantisce una buona luminosità di riempimento per avere delle foto ideali. Ma si potrà anche posizionare il faretto in una posizione distante dalla nostra macchinetta fotografica. Questo dipenderà dall’effetto che vorremo ottenere e anche dall’ambiente che vorremo illuminare. Più ampio e professionale sarà il set da allestire, più complesso sarà illuminarlo con una buona luce di riempimento.

Avremo infatti molte variabili a cui tener conto e questo si ripercuoterà anche sulla tecnica usar. Nel caso montiamo il flash sulla macchina fotografica o su uno stativo, dovremo pensare già all’idea della foto finale che vorremo realizzare. In qualsiasi caso dovremo sempre puntare la luce verso l’alto o comunque mai sul soggetto. Sarebbe l’ideale quello di sparare la luce su delle superfici riflettenti ma opache. In questo modo addolciremo l’effetto di rimbalzo e illumineremo ambienti maggiori. Tutti aspetti che comunque andranno valutati sulla base della luce già presente nell’ambiente e dalla quantità che ce ne serve.

L’intensità dell’impulso luminoso andrà anch’esso valutato in base alle nostre specifiche necessità. Per evitare dei chiaroscuri troppo forti sarà sconsigliata un’alta intensità del flash. Viceversa, se è proprio questo quello di cui avremo bisogno, basterà semplicemente impostare un impulso intenso e su superfici molto riflettenti. Per poi verificare se l’effetto ottenuto è quello che volevamo.

Conclusione

Per concludere, l’uso e la scelta del flash adatto per realizzare una luce di riempimento adatta alle nostre esigenze dipende dal risultato visivo del lavoro di cui avremo bisogno. A livello pratico bisognerà ovviamente attuare delle tecniche specifiche e non da ultimo effettuare qualche prova di scatto fino a raggiungere il perfetto effetto desiderato.

Innanzi tutto bisognerà però scegliere un flash di buona qualità che ci consenta e garantisca una lunga durabilità nel tempo. Una funzione interessante da utilizzare per creare una buona illuminazione di riempimento è quella di porre il flash non sopra la macchina fotografica, ma bensì a lato con collegamento remoto wireless. Avendo anche la possibilità di gestire le funzionalità e programmi del flash per adattare la luminosità al nostro specifico bisogno.

Saper creare una buona luce di riempimento attraverso il nostro flash sarà molto importante soprattutto in particolari condizioni di illuminazione e per determinati lavori. Ne avremo senza dubbio un vantaggio in termini di qualità del nostro lavoro e della resa qualitativa della foto.

Appassionato scrittore e vorace lettore di ogni genere letterario. Da anni lavoro nell’ambito dell’informazione sul web, trattando svariati temi che spaziano dalla tecnologia, ai videogames, dalla letteratura al cinema, dagli eventi d’attualità alle novità nel campo del benessere e del tempo libero.

Back to top
menu
flashelettronici.it