Come si usa un flash?

Il flash è uno strumento che serve a portare luce lì dove non c’è per rendere i nostri scatti migliori. E fin qui, nessuno, penso, ha dubbi in merito. Ben altra cosa invece è saperlo usare e saperlo usare correttamente, in particolare. Questa tipologia di accessorio trova sul mercato molti modelli diversi, adatti ad ogni tasca ed esigenza. Usarlo poi starà alla nostra professionalità e all’uso che dovremo farne.

Solitamente questo apparecchio viene applicato sulla macchina fotografica. A volte invece è anche su dei cavalletti per tenerlo più distante dal soggetto rispetto al fotografo. Il tutto per impostare la miglior luce del set fotografico che si deve fare. In esterno invece il flash diventa una risorsa ausiliare per non alzare troppo gli ISO o usare delle focali più luminose.

Nel corso di questo articolo andremo a spiegare sia perché è utile acquistare il flash per una macchinetta fotografica, sia come usarlo. Cercheremo di dare qualche consiglio per approfondire la conoscenza di questo accessorio che negli ultimi anni ha perso parecchia popolarità a causa del suo abuso negli anni passati. Daremo una panoramica esplicativa per capire a chi questo accessorio può essere utile e come sfruttarlo al meglio per il proprio lavoro.

Perché acquistare un flash

La motivazione per cui si acquista un flash è molto semplice. Lo si fa principalmente per compensare la scarsa luminosità dell’ambiente in cui andiamo a scattare delle foto. Spesso infatti aumentare il livello delle ISO, avere una macchina fotografica full frame o una focale molto luminosa non basta. Inoltre il flash può tornare anche molto utile per determinate circostanze ed effetti fotografici che vogliamo realizzare. Questo accessorio è venduto sia alimentato a batteria, con caricatore a parte rispetto alla macchina fotografica. Oppure esistono anche dei modelli ad alimentazione esterna. La scelta tra queste due tipologie di flash determinerà in parte anche il nostro modo di utilizzarlo.

Ovviamente questa scelta dipende sia dal tipo di foto che dobbiamo fare, sia dal luogo dove dovremo scattarle. Il flash alimentato a batteria è comodo per essere montato sulla nostra macchinetta, con il vantaggio di poterci spostare agevolmente. Quello invece alimentato esternamente sarà più pratico usarlo per servizi in studio montato sopra un cavalletto o in mano ad un assistente alla fotografia.

Il flash è senza dubbio un accessorio che può risolverci molte situazioni in cui c’è scarsa illuminazione. Ma se non si è in grado di usarlo correttamente, può rivelarsi un’arma a doppio taglio.

Come si usa il flash

Il flash, soprattutto per i modelli più elementari è semplicissimo da usare. Solitamente basterà applicarlo sopra la macchina fotografica nell’apposito slottino. A quel punto l’accessorio e la nostra macchina saranno in connessione e sincronizzati. Se si imposta uno scatto con il flash, automaticamente scatterà il bagliore dall’apparecchio.

Diverso invece se si tratta di flash più professionali o complessi. A quel punto i menù e le impostazioni a cui badare sono molte di più. Ovviamente questo varrà sia nel caso montiamo il flash sulla macchina fotografica, sia se lo installiamo su un cavalletto. A quel punto bisognerà impostare sia l’intensità luminosa che la modalità del flash. Queste andranno valutate sia in base alla luminosità ambientale, sia all’effetto che vorremo dare allo scatto.

Inutile spiegare che l’intensità luminosa andrà settata quanto più alta possibile se l’ambiente è molto buio. Molti flash hanno dei sensori che riescono a captare questo e ad adattare l’intensità della luce all’ambiente. Ma non tutti. La maggior parte infatti emette un impulso luminoso standard che può essere regolato però manualmente. Da questo dipenderà la corretta illuminazione della foto. Per coloro che sono alle prime armi, bisognerà procedere per tentativi, facendo degli scatti e verificando se la luminosità della foto è corretta. Un metodo empirico che funziona sempre.

Conclusione

In conclusione, l’uso e la scelta del flash adatto a noi dipende da quale lavoro dovremo farci. Ovviamente una volta capito questo, a livello manuale sarà molto semplice usare un flash in perfetta efficienza. L’importante è ricordare sempre di non farne un uso smodato ma cercare di gestire la sua funzionalità nei limiti del possibile.

Infatti questo potrebbe sia danneggiare l’apparecchio, sia, a lungo andare creare dei malfunzionamenti che possono pregiudicarne le funzionalità. Scegliere uno flash di buona qualità resta sempre un elemento indispensabile per avere un prodotto che ci garantisca la maggior durata nel tempo. Una funzione interessante è quella posta sulla scocca del flash che ci permette di gestire le sue funzionalità e programmi per gestire al meglio la luminosità nel momento del flash. Cosa che potremo anche sfruttare a distanza gestendo il tutto direttamente dalla nostra macchina fotografica.

Saper usare bene il flash che abbiamo in dotazione, ci dà un gran vantaggio in termini di qualità del nostro lavoro. Avremo infatti la maggior resa delle nostre foto con i soggetti perfettamente illuminati per dei risultati altamente professionali.

Appassionato scrittore e vorace lettore di ogni genere letterario. Da anni lavoro nell’ambito dell’informazione sul web, trattando svariati temi che spaziano dalla tecnologia, ai videogames, dalla letteratura al cinema, dagli eventi d’attualità alle novità nel campo del benessere e del tempo libero.

Back to top
menu
flashelettronici.it