Flash con modalità strobo: cos’è e a cosa serve?

Il flash è un accessorio che negli anni ha subito un’evoluzione, anche dovuta alla sua funzionalità specifica. Alcuni modelli nel tempo hanno perso la loro importanza. Mentre altri ancora invece l’hanno acquisita. Specie per quanto riguarda alcuni specifici ambiti d’utilizzo.Tra i molti tipi di modelli di flash attualmente in commercio se ne possono trovare alcuni più utili di altri in determinate situazioni. Di base, questo accessorio serve ad illuminare ambienti scarsamente illuminati per scattare le nostre foto. Ma alcuni tipi di flash fanno anche di più. Ad esempio quelli che hanno in dotazione la modalità strobo.

In questo articolo andremo a vedere più da vicino questo particolare tipo di modelli di flash. Capiremo cosa cosa, a cosa servono e come poter scegliere un modello di buona qualità tra quelli offerti dal mercato. Soprattutto cercheremo di spiegare che questi modelli non sono flash largamente utilizzati e quindi servono solo a determinate tipologie di fotografi. In relazione all’utilizzo che ne fanno per lavoro.

Cos’è e a cosa serve il flash con modalità strobo

Partiamo col dire che il flash con modalità strobo è quell’accessorio che consente all’impulso luminoso di essere diffuso in maniera intermittente e non solo impulsiva. Questo serve per dare alla luce sui soggetti della foto un effetto più morbido e meno rigido. Così da avere giochi di luci e ombre maggiormente evidenti. Questo a tutto vantaggio delle volumetrie degli oggetti che guadagnano di tridimensionalità.

Questa tipologia di flash è molto richiesta soprattutto per quanto riguarda quei set fotografici dove è molto importante mostrare le campiture. Come ad esempio possono essere le foto di moda in cui i tessuti e gli abiti hanno bisogno di prendere consistenza nell’immagine. I flash con modalità strobo ovviamente vengono usati anche in altri ambiti e non solo in quello della moda. Trovano largo uso in tutti quei settori dove si vuole ottenere delle immagini che rendano l’effetto materico dei soggetti ritratti.

Il flash classico infatti, solitamente, se non usato a dovere o se non è di buona qualità, tende ad appiattire le immagini. Cioè a rendere le volumetrie piatte, con le luci che vanno a riempire tutte le zone d’ombra senza dare spessore ai soggetti. Questo effetto può essere molto utile per alcuni ambiti. Soprattutto quando si vuole ringiovanire un viso già con lo scatto in camera. Ma nella maggior parte dei casi questo è un effetto sgradevole che si sta cercando di evitare, specie negli ultimi anni.

La luce del flash è sì determinate in molte occasioni, ma sempre più spesso, i fotografi professionisti, cercano di farne a meno. Acquistando focali più luminose oppure alzando il livello delle ISO. Solo ai concerti o in altri ambiti in cui si scatta al buio, il flash resta un accessorio imprescindibile.

Il flash con modalità strobo è dunque un buon compromesso tra le alternative a questo accessorio e il modello classico. Ovviamente, non è una tipologia di flash adatta ad ogni tasca. Alcuni possono essere anche molto costosi e di qualità elevata. Nel corso del prossimo capitolo andremo ad evidenziare come riconoscerli, nel caso questo tipo di flash faccia al caso nostro.

Caratteristiche per un buon flash con modalità strobo

La scelta di un buon flash con modalità strobo passa principalmente dalla qualità dell’impulso luminoso che riesce a fornirci. Secondariamente anche dalle opzioni che ci potrà fornire al momento dello scatto. Il menù ci permetterà di settare nei minimi dettagli come vorremo che sia profuso l’impulso luminoso intermittente della modalità strobo. Ovviamente questo dovrà essere tenuto in considerazione per la sincronizzazione dello scatto della nostra macchinetta fotografica.

La modalità strobo infatti ha una diversa sincronizzazione rispetto all’impulso del flash classico. Lo scatto si trova a metà dell’impulso. Proprio perché la luce deve preparare il terreno allo scatto. Da questo dipenderà in maniera determinante quindi la qualità della foto e dell’effetto risultante. Migliore sarà la sincronizzazione tra scatto ed effetto strobo, maggiore sarà l’effetto desiderato mediante l’illuminazione adatta.

Conclusione

Come abbiamo più volte evidenziato, il flash con modalità strobo è un accessorio piuttosto specifico negli ambiti in cui viene utilizzato. Trova largo utilizzo in particolare per determinati set fotografici dove si ha bisogno di un’effettistica specifica per la foto che si vuole realizzare. Scegliere dei flash con modalità strobo serve a coloro che ne fanno largo uso in ambito lavorativo. Altrimenti è una funzionalità del tutto superflua che non verrà mai sfruttata nella maggior parte dei casi.

Sarà quindi necessario, prima dell’acquisto, capire se questa tipologia di accessorio faccia davvero al caso nostro. Infatti questo flash, oltre a garantirci degli scatti in situazioni di scarsa luce, conferisce un particolare effetto alla foto.

Acquistare dunque un flash con modalità strobo sarà determinante per le possibilità che potremo avere nel nostro lavoro. Bisognerà comunque conoscere bene sia il tipo di effetto che può dare, sia quello che noi vorremo realizzare. In modo da avere un’offerta professionale ancor più ampia.

Appassionato scrittore e vorace lettore di ogni genere letterario. Da anni lavoro nell’ambito dell’informazione sul web, trattando svariati temi che spaziano dalla tecnologia, ai videogames, dalla letteratura al cinema, dagli eventi d’attualità alle novità nel campo del benessere e del tempo libero.

Back to top
menu
flashelettronici.it